“La vita non è sempre una questione di avere delle buone carte ma, a volte, di saper giocare bene una mano svantaggiosa.”

- J. London

#117: È Venerdì, stimola la tua creatività come Samuel Beckett. ⚡

Buongiorno!

La vita non è sempre una questione di avere delle buone carte ma, a volte, di saper giocare bene una mano svantaggiosa. È una frase di Jack London. Ed è vera.

Sulle carte che la sorte ci mette in mano non possiamo farci molto, ma come ce le giochiamo invece, sta solo a noi.

Anzi, come ci insegna la storia di Samuel Beckett, avere delle brutte carte, avere dei limiti, o delle difficoltà da superare sono ciò che ci rende creativi. Del resto, non nasciamo creativi, diventiamo creativi e se avessimo sempre tutto ciò che ci serve a portata di mano, la creatività sarebbe inutile.

– Jacopo

PS: Se ti piace questa newsletter, copia/incolla questo link e condividila.


Samuel Beckett e l’importanza di stimolare la creatività.

Samuel Beckett è stato uno degli scrittori più influenti del XX secolo che senza Beckett non sarebbe stato lo stesso. La sua arte spaziava dal teatro alla letteratura, passando per la poesia, il cinema, la radio e la televisione.

Come è noto, Beckett era irlandese e l’inglese era la sua madrelingua. Scrisse tutti i suoi primi romanzi, le sue prime opere e le sue prime poesie in inglese. Poi, verso la fine degli anni Sessanta, Beckett smise di scrivere in inglese e cominciò a scrivere in francese e, in francese, scrisse le sue opere più importanti tra cui “Aspettando Godot” e la trilogia di romanzi “Molloy”, “Malone muore” e “L’innominabile”.

Beckett decise di scrivere in francese perché scrivere in una lingua diversa dalla sua lo obbligava a mantenere i suoi testi più semplici e diretti, ad essere più creativo e, come diceva spesso, a scrivere “senza stile”. E aveva ragione. Spesso darci dei limiti (come scrivere in una lingua che non è la nostra) è un ottimo esercizio per stimolare la nostra creatività.

Questo vale per la scrittura ma anche per qualsiasi altro lavoro. Non nasciamo creativi, diventiamo creativi e se avessimo sempre tutto ciò che ci serve a portata di mano, la creatività sarebbe inutile. I limiti, i problemi o le difficoltà invece sono ciò che ci rende creativi e innovativi.


Un grafico che ho trovato in Rete.

La cosa vera, in questo grafico, è che l’economia mondiale dal 1968 ad oggi è cresciuta di quasi 45 volte. La cosa falsa è che questa ricchezza è ugualmente ripartita per ogni persona.

Link & Post.

Noi chattiamo, loro guardano.

Un report sul rapporto tra software di messaggistica istantanea (come WeChat) e censura. Leggi il report

Cibi Nutrienti.

In questo articolo della BBC i 100 cibi più nutrienti. Leggi l’articolo

Uomo e Pandemie.

Questo video mette in luce le nostre colpe (come esseri umani) nella diffusione del CoronaVirus e di altre pandemie. Guarda il video

Prima si legge poi si commenta.

ReadUp è una Social Reading Platform che permette di commentare o fare Like a un articolo solo se prima viene completamente letto. Leggi ReadUp

Licenziare ai tempi di Airbnb.

A causa del tracollo del turismo, Airbnb ha deciso di licenziare il 25% dei suoi dipendenti (1.900 persone). In questa lettere il Co-Founder e CEO Brian Chesky spiega le motivazioni e propone delle soluzioni. Leggi la lettera

Bookcase Credibility.

Un canale Twitter che commenta la credibilità delle persone a seconda della libreria che hanno sullo sfondo durante le loro dirette da casa. Guarda le librerie

La doppia freccia.

Nel Sutta del Buddha c’è un concetto molto interessante, quello della doppia freccia. Secondo il Buddha, soffrire è come essere colpiti da due frecce. La prima freccia è quella del…  Leggi il mio post

L’importanza del contesto.

C’è una nota frase di Einstein. La frase dice: “Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita…  Leggi il mio post

Futuro vs Presente.

“L’uomo sacrifica la propria salute per fare soldi. Poi sacrifica i soldi per curarsi.” È una frase del Dalai Lama. La frase continua così: “L’uomo è così ansioso per …  Leggi il mio post


Muri Filosofici.

Sui muri di Milano. #murifilosofici.

Buon lavoro (e buon week end),
Jacopo