#137: È venerdì, reinventare i Follower. 🐦

Buongiorno!

L’autore televisivo, nonché ideatore del Saturday Night Live, Lorne Michaels un giorno disse: «Lo show non inizia perché siamo pronti. Inizia perché sono le 11.30!».

È una buona filosofia di vita, lavorativa e non. Aiuta a risolvere diverse noie come la paralisi da analisi, il perfezionismo o le riunioni infinite. Le scadenze fanno bene. Mai come oggi, viviamo in un’epoca di sperimentazione continua, dove l’importante non è essere pronti. Ma essere pronti a sperimentare. A sbagliare. A fare errori. E a continuare a imparare.

Guardando le presentazioni di alcune delle Startup più di successo dei nostri tempi (da Dropbox a LinkedIn) fa sorridere lo spirito garibaldino con cui si sono lanciate sul mercato. Ma se non avessero osato, se non ci avessero creduto, oggi probabilmente non esisterebbero.

– Jacopo

La newsletter continua qui sotto ⇣ Se ti piace questa newsletter copia questo indirizzo: jacopoperfetti.com/newsletter e condividilo via social, mail o WhatsApp. Grazie!


💡Reinventare i Follower.

Sono molte le Startup che stanno proponendo nuovi Modelli di Revenue per valorizzare i propri Followers (ovvero, farsi pagare per i propri contenuti). Tra queste c’è OnlyTweets che permette di proporre contenuti a pagamento su Twitter.

L’idea interessante è quella di trasformare i Follower in Supporter, ovvero persone che pagano per sostenere contenuti di qualità. La trovo interessante perché penso che potrebbe contribuire a migliorare la qualità dei contenuti su Internet e quindi ridurre il morbo delle Fake News.

Sempre più persone si stanno rendendo conto (o meglio si sono ricordate) che l’informazione di qualità non passa dai Social Media ma dai giornali e quindi ha un valore. Scrivere informazione di qualità richiede tempo, bisogna fare ricerche, consultare fonti. Non può essere considerata una commodity svenduta per quei pochi centesimi che si possono fare con la pubblicità.


📊 Un grafico che ho trovato in rete.

Una delle cose che più mi preoccupa del Covid-19 è l’impatto che avrà sull’educazione. E, in particolare, sull’educazione dei bambini. Mi domando spesso come poter educare i miei figli per affrontare un mondo che cambia sempre più in fretta e per renderlo un luogo migliore dove vivere e dove crescere.

Dopo il Covid-19 stiamo sperimentando nuove forme di educazione scolastica in cui la tecnologia ha un peso sempre più importante. Ma se da una parte la tecnologia può creare nuove opportunità, migliorare l’apprendimento e democratizzare la formazione, dall’altro può aumentare le disuguaglianze e ridurre lo sviluppo di competenze, dal mio punto di vista essenziali, come l’empatia e la capacità di socializzare.


🗞️ Link & Post:

Disparità di genere. C’è ancora tanto da fare, soprattutto in Paesi come l’Italia, per colmare il gap di genere sul lavoro. Ma uno dei fenomeni più interessanti che sto osservando è la crescita di donne in posizioni dirigenziali. In questo report trovi un po’ di numeri sul gender gap sul lavoro. Scarica il report

Qanon (e altri universi paralleli). Un altro fenomeno che sto osservando con un certo interesse, che spesso si mischia a una sconcertante incredulità unita da una buona dose di ansia, è la crescita di Qanon e, più in generale, quell’universo in continua espansione di negazionisti e populisti. In questo documentario Kirby Ferguson ne racconto la storia. Guarda il documentario

Head Of Remote Work. Il Covid, e la conseguente crisi, ha accelerato molti processi di cambiamento nel mondo del lavoro. Vecchie professioni scompaiono e nuove si creano. Tra queste l’Head of Remote Work.  Leggi l’articolo →

Ecosistemi distrutti. Il nostro Pianeta è il nostro ecosistema. Eppure continuiamo a distruggerlo: questo articolo racconta come i governi mondiali abbiano mancato tutti gli obiettivi di protezione degli ecosistemi. Leggi l’articolo

Ruba come Wes Anderson. Wes Anderson è uno dei miei registi preferiti. In questo video trovi molti dei film da cui ha preso ispirazione. Guarda il video →

Il vantaggio di essere se stessi. Quando in marketing si parla di posizionamento esistono due macro-criteri: 1) Quello per riferimento, posizionandosi come alternativa ai competitor, indirettamente, direttamente o… Leggi il mio post →

Automazione e Disuguaglianza. Complessivamente Microsoft, Amazon, Facebook, Google ed Apple, danno lavoro a meno di un milione di persone, contro una valorizzazione di mercato complessiva di svariati… Leggi il mio post →


Se hai già letto il mio libro condividilo, se non lo hai ancora letto, lo trovi qui.


Muri Filosofici:

#murifilosofici.

Buon lavoro (e buon week end),
Jacopo