#140: È venerdì, reinventare il giornale. 🗞️

Buongiorno!

Penso sarebbe importante insegnare Imprenditoria ai bambini. Con i miei due figli ogni tanto ci provo. Così una mattina, all’uscita della scuola, ne ho parlato con tre mamme, risultato: una mamma se ne è andata via dicendo: «Io non ho parole…» e un’altra mi ha domandato perché volessi insegnare a dei bambini di sei anni ad essere arrivisti ed individualisti.

Ancora più significativo è quello che mi è successo qualche sera fa. In occasione di una cena organizzata per discutere del futuro di Milano, mi trovo al tavolo sul tema “Lavoro e Sviluppo”. La domanda cui il mio tavolo doveva rispondere era: “Come far fronte al cambiamento del lavoro?”.

«Io non ho dubbi!» dissi entusiasta «La soluzione è stimolare l’imprenditoria e l’approccio imprenditoriale, così dovunque andrà il mondo del lavoro, se non troveremo il lavoro che fa per noi ce lo inventeremo». Risultato: vengo accusato di essere un neo-liberista che stimola la competitività e l’individualismo. E la mia idea non viene neanche presa in considerazione.

Queste due storie, unite a molte che ho vissuto negli ultimi anni promuovendo il mio libro “Inventati il Lavoro”, mi fanno pensare che in Italia abbiamo un’idea distorta dell’Imprenditoria e dell’Imprenditore che viene spesso visto come un arrivista, capitalista che sfrutta i lavoratori e pensa solo ad arricchirsi.

È un’idea anacronistica e fuori luogo. Soprattutto in Italia dove abbiamo avuto imprenditori illuminati come Mattei o Olivetti. Ed è anche un’idea pericolosa perché l’Imprenditoria è fondamentale per un Paese. Stimola l’economia, crea posti di lavoro, trasforma le città, migliora la vita delle persone, risolve problemi e, soprattutto, guarda al futuro, lo crea, spesso commettendo errori, ma senza pensare di poter andare avanti guardando di continuo nello specchietto retrovisore del nostro passato.

– Jacopo

La newsletter continua qui sotto ⇣ Se ti piace questa newsletter copia questo indirizzo: jacopoperfetti.com/newsletter e condividilo via social, mail o WhatsApp. Grazie!


💡Reinventare il giornale.

Uno dei settori che, a mio avviso, è più intrappolato nella mentalità da “specchietto retrovisore” è l’editoria. Sebbene sia in crisi da anni, è popolato da aziende che fanno  sempre le stesse cose, sempre nello stesso modo, aspettandondosi (non so per quale principio) risultati diversi.

Lo fanno in molti ma, fortunatamente, non lo fanno tutti. Anche nell’editoria ci sono casi di innovazione. Tra questi il The New York Times che negli ultimi anni è riuscito a re-inventarsi come giornale e come azienda in quattro mosse (da manuale):
– Sistemare il bilancio.
– Investire in contenuti e talenti.
– Investire in tecnologia.
– Lanciare nuove forme di Revenue.

Se vuoi approfondire, in questa splendida presentazione trovi maggiori informazioni.


📊 Un grafico che ho trovato in rete.

Il futuro sono i giovani e i giovani non usano più Facebook. Questa sarebbe una bella notizia per il nostro futuro, se non fosse che, in compenso, i giovani usano altri Social (tra cui Tik Tok e Instagram, che è di Facebook) e Facebook sta cercando di “riprendere” i giovani tornando alle origini con Facebook Campus


🗞️ Link & Post:

Quibi Quits. Dopo solo sei mesi dal lancio (costoso ed eccessivo) Quibi, l’app di streaming di brevi video pensati per smartphone, chiude. È il classico esempio di come iniziare con troppi soldi sia spesso peggio di iniziare con troppi pochi. Leggi l’articolo

Bunker di Moda. Tra ansie per il Covid, per le crisi economiche, per il cambiamento climatico e per tutto quello che rende i nostri tempi così incerti, i Bunker stanno vivendo un momento di gloria. Leggi l’articolo

Radio Nostalgia. Un’altra cosa che sta andando alla grande è la nostalgia. Poolside propone una radio vecchio stile. Ascolta la radio →

Inverno in quarantena. In questo articolo alcuni psicologi condividono consigli su come affrontare l’inverno con la possibilità di una nuova quarantena. Leggi l’articolo

Killing Strategy. Qui trovi un report su come il settore della consulenza strategica sta cambiando e sta venendo “disrupted” (per usare un termine molto strategico…). Scarica il report →

Il marketing dell’amico. Perché compriamo un prodotto? Perché ci piace? Perché lo vogliamo? Perché ne abbiamo bisogno? Oppure perché lo ha fatto qualcuno che… Leggi il mio post →

L’importanza di ricordare la storia. Secondo lo storico Henry Petroski se il Titanic non fosse affondato, avremmo costruito transatlantici sempre più grandi che prima o poi… Leggi il mio post →


Se hai già letto il mio libro condividilo sui tuoi Social o mandami una foto, se non lo hai ancora letto, lo trovi qui.


Muri Filosofici:

#murifilosofici.

Buon lavoro (e buon week end),
Jacopo