È venerdì, anno nuovo progetto nuovo! 🤘

Buongiorno!

Sono entusiasta e pieno di vita. Un po’ perché è l’inizio di un nuovo incredibile anno. Un po’ perché il 2020 mi ha reso più antifragile (trovi qualche mia riflessione sul 2020 qui). E un po’ perché ho finalmente scritto il mio primo romanzo: un thriller psico-tecnologico che ho intitolato T.E.R.R.A.

Ambientato in una Berlino avveniristica, nel romanzo immagino un presente alternativo dove tutto è stato privatizzato e tutto torna a funzionare, fino a quando una serie di inspiegabili morti mette in crisi il nuovo ordine mondiale e riapre porte che il protagonista pensava di aver chiuso per sempre.

Ho tenuto questo romanzo nel cassetto per quasi cinque anni, appuntandomi idee e passaggi sul mio taccuino, fino a quando non ho trovato il tempo e la motivazione per scriverlo. Il tempo l’ho trovato durante il primo Lockdown. La motivazione l’ho trovata guardando i miei figli crescere.

Ho dedicato a loro questo libro. “Ai miei figli e al loro Futuro” come ho scritto sulla prima pagina. I miei figli, che adesso hanno quattro e sei anni, diventeranno adulti in un mondo fatto di tecnologia e condivisione. E penso sarà importante che loro (come tutti noi) impareranno ad utilizzare questa tecnologia con consapevolezza, per evitare che, un domani, sarà la tecnologia ad utilizzare loro.

A differenza dei miei precedenti libri, ho deciso di auto-pubblicare il romanzo con una campagna di Crowdfunding su Kickstarter che lancerò Venerdì 5 Febbraio.

Mi farebbe piacere condividere anche con te il day-by-day di questa avventura, se ti va di seguirmi, ho aperto un canale Instagram dove ogni ogni giorno posterò aggiornamenti sul progetto e riflessioni sui temi di cui parlo nel romanzo (Intelligenza Artificiale, Big Tech, Politica e Surveillance capitalism).

Ti aspetto su Instagram!

– Jacopo


Sette Cose Interessanti.


01. Una Startup: Mr. Beast Burger.

Jimmy Donaldson, in arte Mr. Beast, è uno degli Youtuber più pagati del 2020. Diventato famoso per aver contato fino a 100.000 ha, ad oggi, quasi 50 milioni. A Dicembre ha lanciato la sua catena di Fast Food. Trovo questa idea innovativa per tre motivi: 1) È molto concentrica; 2) È una cucina virtuale e quindi valorizza asset già esistenti e in crisi (le molte cucine dei molti ristoranti che in questo periodo non possono rimanere aperti al pubblico); 3) Unisce due trend in forte crescita il D2C (Direct To Consumer) e il Food Delivery.

02. Un film: Sound Of Metal.

Sound Of Metal di Darius Marder, con un notevole Riz Ahmed, racconta la storia di Ruben Stone, batterista metal che perde l’udito. Convinto dalla propria fidanzata ad andare in un centro di riabilitazione per ex-tossici sordi, Ruben incontra il direttore del centro che chiarisce subito le finalità del percorso: «Non siamo qui per curare questo (indicando l’orecchio) siamo qui per curare questa (indicando la testa)». Sound Of Metal fa riflettere su come a volte il modo migliore per risolvere un problema non sia ignoralo o cercare di eliminarlo sperando di tornare a una normalità che ormai non c’è più. Ma piuttosto accettarlo e imparare a conviverci. Lo trovi su PrimeVideo.

03. Un concetto: Back Stage Behavior.

Secondo il sociologo Erving Goffman nella vita di tutti i giorni abbiamo due dimensioni e quindi due comportamenti, la dimensione pubblica (Front Stage) e quella privata (Back Stage) quando nessuno ci guarda e possiamo essere noi stessi senza preoccuparci del giudizio degli altri. Sebbene sia un concetto piuttosto datato (del 1959) lo trovo molto attuale. In un mondo, come quello che stiamo vivendo, in cui siamo sempre connessi, sempre di fronte a qualcuno o qualcosa, stiamo perdendo la nostra dimensione più intima e riservata.

04. Uno strumento: Streaks.

Gennaio è il mese dei buoni propositi. E generalmente è anche il mese in cui li manteniamo. Poi però arriva Febbraio e poi Marzo e più passa il tempo più i buoni propositi rimangono tali. Streaks è una app semplice e pratica per darci degli obiettivi e mantenerli. La cosa che trovo interessante è che, a differenza di molte altre app, non prevede versioni gratuite o Premium. Se la vuoi la devi pagare (5,49 Euro). Per quanto questo Modello di Revenue possa apparire anacronistico, lo trovo molto corretto, perché mi fa pensare che dietro non ci siano altre fonti di ricavo (es: vendere i nostri dati) e infatti la loro privacy policy sembra essere molto trasparente.

05. Uno strumento che non c’è più: Adobe Flash.

Ho iniziato a lavorare come programmatore a diciassette anni. Ai tempi programmavo in Javascript e Html (era il 1998) partendo da un file txt vuoto (il vecchio <html><head><body>…), poi nel 1999 scopro l’Actionscript e Flash ed entro in un mondo meraviglioso di codici e animazioni. L’Actionscript diventa il mio codice di riferimento, partecipo e vinco concorsi, faccio siti e videogiochi online… Fino a quando la mia vita non incrocia l’arte e decido di cambiare professione (cosa che poi non ho più smesso di fare…). Ti racconto tutto questo perché il 31 Dicembre 2020, Adobe ha deciso di chiudere Flash e, leggendo questa notizia, non ho potuto evitare un po’ di nostalgia per le notti passate a programmare.

06. Un sito: La tua vita in dati.

Questo sito raccoglie un po’ di dati partendo dal giorno della tua nascita. Quante volte hai battuto gli occhi, quanto sangue ha pompato il tuo cuore, quante persone in più ci sono nel mondo, come è aumentata la quantità di C02, ma anche come è diminuita la mortalità e aumentata la vita media.

07. Un grafico: L’interruzione stimola la creatività.

Tutto inizia con un’interruzione, scriveva Paul Valéry. E aveva ragione. Dante scrisse la Divina Commedia durante l’esilio. Newton scoprì la forza di gravità mentre era a casa da scuola perché il Trinity College era chiuso per la peste. E Bertrand Russell scrisse la sua monumentale Introduzione alla filosofia matematica mentre scontava il periodo di carcerazione scontato per la sua partecipazione al movimento pacifista inglese. Come mostra il grafico qui sotto, periodi di crisi, cambiamento o pausa forzata (come quello che stiamo vivendo ora…) stimolano la creatività e la nascita di nuove idee. Perché ci danno il tempo per riprendere idee o progetti che avevamo nel cassetto (come mi è successo con il romanzo…) e ci spingono a guardare la nostra vita da altri punti di vista.


Muri Filosofici.