È Venerdì, sii felice come Mac Vitelli! 😎


Buongiorno!
Oggi è Venerdì, ecco alcune cose che mi fa piacere condividere con te questa settimana:

Mac Vitelli e l’importanza di fare un lavoro che ti renda felice:

Nel film “Mac” di John Turturro, Mac Vitelli è un costruttore di case italo-americano molto orgoglioso del proprio lavoro, che vuole sempre fare le cose a modo suo, tanto da buttare giù un’intera casa e rifarla dalle fondamenta se non è fatta come vuole lui. È un’attitudine al lavoro che lui e i suoi fratelli hanno appreso dal padre, un uomo burbero che in punto di morte dice loro: «Ci sono due modi di fare una cosa, il modo giusto e il modo mio. E tutt’e due sono la stessa cosa». In una delle scene più popolari del film, Mac è seduto su un marciapiede e a un certo punto dice a sua moglie: «“Sai cosa penso sia la felicità?” Amare il tuo lavoro. Non molte persone lo sanno, e questo è il motivo per cui vanno in vacanza, ma è la verità. Se odi il tuo lavoro, odi la tua vita». Ed è vero. Passiamo gran parte della nostra vita a lavorare. Dedichiamo al lavoro molto del nostro tempo, della nostra energia e del nostro talento. E allora tanto vale inventarsi un lavoro che ci permetta di realizzarci tanto professionalmente quanto personalmente. Un lavoro che ci dia la possibilità di avere un impatto positivo sulla società.

Leggi altre storie qui.


Lo sapevano anche gli antichi Romani!

Adoro l’etimologia delle parole. Penso che studiando le parole e da dove vengono si possa capire molto di una cultura. Per esempio, la parola “ergastolo” viene dal greco antico ἐργάζομαι, ovvero lavorare. Per gli antichi Romani infatti, il lavoro a vita era visto come una delle pene maggiori che si potessero infliggere all’uomo. E, in un certo senso, avevano ragione. Fare qualcosa che non ami, qualcosa che ti rende infelice, frustrato e brutto per il resto dei tuoi giorni, è molto simile a passare tutta la vita in prigione. Dall’altra parte invece, fare un lavoro che ti fa stare bene con te stesso e con gli altri e che valorizza il tuo talento è una delle cose più significative che possano accaderti.


Un bel TED sulla felicità:

Se hai tempo ti consiglio di vedere questo TED, dove Robert Waldinger, direttore dell’Harvard Study of Adult Development, racconta di un’incredibile esperimento durato 75 anni, in cui sono stati studiati i comportamenti di 724 uomini per scoprire cosa rendesse l’uomo felice. Risultato: “Good relationships keep us happier and healthier. Period.”

Qui invece un mio vecchio post (di tre anni fa…) sul perché sono sempre felice (o almeno cerco di esserlo).


La mia intervista a Luca e Camilla di Bella Dentro.

A proposito di persone che hanno lasciato il proprio lavoro per fare qualcosa che li rende felici, su FIRED l’intervista a Luca e Camilla fondatori di Bella Dentro, un progetto imprenditoriale nato dalla necessità di avere un impatto positivo sulla società e ridurre lo spreco agro-alimentare. Parliamo di sfide, impatto ambientale, cibo e lavoro in coppia.

Leggi qui altre interviste.


Altri link o cose interessanti che ho trovato in rete questa settimana:

01 / Domani (Sabato 30 Giugno) alle 17.00 sarò al Festival dell’Unità di Magenta per parlare di lavoro e di come inventarselo.

02 / Oggi invece sono al Festival Del Lavoro a parlare del lavoro al tempo della gig economy (prima di Di Maio e subito dopo Salvini…).

03 / Su FastCompany, le 5 “super skills” per i lavori del futuro. Mentre sul Financial Time un test per capire se un robot può fare il tuo lavoro.

04 / Dopo più di dieci anni passati a far profitti sui contenuti generati da altri, Facebook ha lanciato un proprio magazine con contenuti originali. Si chiama GROW un business magazine per business leaders. Disponibile anche in versione cartacea.

05 / Oltre a Facebook sono molte le aziende che stanno lanciando propri magazine con contenuti originali. Questo per esempio il magazine (anche cartaceo) di Airbnb.

06 / Una ricerca bellissima (anche dal punto di vista estetica) sulla “ripetitività” delle canzoni. Spoiler: la canzone che più si ripete di tutti i tempi è “Around The World” dei Daft Punk. Ma, se la conosci, immagino lo sapessi.

07 / Qui invece un’analisi di 77 città in tutto il mondo classificate per livello dei prezzi, livello degli stipendi, potere d’acquisto e tempo di lavoro. Si scoprono cose incredibili. Per esempio, Milano è la città più costosa al mondo per i vestiti da uomo e da donna.

Buon lavoro (e buon w.e.),
Jacopo