“Non serve bruciare i libri per distruggere una cultura. Basta convincere le persone a smettere di leggere.”

- R. Bradbury

#72: È Venerdì, fai soldi come George Lucas! 💸

Buongiorno!

Questa settimana ho ascoltato un’intervista allo scienziato Paul Dolan che sostiene come, per essere felici, sia fondamentale conoscersi, sapere cosa ci fa stare bene e vivere secondo le proprie metriche, non quelle di qualcun altro.

Ed effettivamente è vero. Spesso giudichiamo la nostra vita non secondo le nostre metriche, secondo quello che ci fa stare bene. Ma secondo quelle di qualcun altro (i nostri genitori, la società in cui viviamo, o le persone che conosciamo). E questo ci rende profondamente infelici perché passiamo la vita a comparare la nostra felicità con quella di qualcun altro. Senza renderci conto di cosa ci faccia stare bene.


George Lucas e l’importanza di mettere tutto a profitto.

Quando la 20th Century Fox comprò i diritti di Star Wars, chiese a George Lucas di dirigere il film per 500.000 dollari. Ma invece di accettare, Lucas propose ai manager della casa di produzione di tenere il suo salario più basso, 150.000 dollari, in cambio di due clausole: avere tutti i diritti sul merchandising e quelli sugli eventuali sequel del film. A quei tempi, nessun manager avrebbe scommesso su possibili sequel di un film che parlava di astronavi e guerre intergalattiche, e il merchandising non era ancora una grande fonte di ricavi. Così accettarono e Lucas firmò il contratto. Come tutti sappiamo Star Wars è stato un successo senza precedenti, ma il vero guadagno per George Lucas non arrivò dal botteghino, ma da tutto il resto: merchandising, musica, sequels, giochi, dvd, vhs, libri, fumetti, vestiti, licensing e qualsiasi prodotto marchiato Star Wars. Se non avesse chiesto di tenere i diritti, avrebbe comunque ricevuto un buono stipendio come regista ma sarebbe stato nulla in confronto a quanto ha guadagnato come imprenditore. Di fatto Lucas ha barattato una parte del suo stipendio fisso, 350.000 dollari, con dei diritti che negli anni gli hanno fruttato quasi 5 miliardi di dollari. Seguendo l’esempio di George Lucas, quando stai pensando a come rendere il tuo lavoro profittevole, non guardare in una sola direzione ma pensa a tutti i modi in cui il tuo lavoro potrebbe generare introiti.

Leggi altre ispirazioni

Differenti modelli di Revenues.

Un tempo era tutto più facile. C’era un solo modello di Revenue. Avevi un bene, lo vendevi e venivi pagato. Lo storico Do ut Des. Io ti dò qualcosa (un servizio o prodotto) e tu mi dai qualcosa in cambio (generalmente soldi).

Oggi invece ci sono molti modelli di Revenue tra cui scegliere. Per esempio:

  • Vendita di un bene.
  • Canone d’uso (pay per use)
  • Prestito/noleggio/leasing/affitto.
  • Sharing Economy.
  • Licenze.
  • Bait and Hook.
  • Intermediazione.
  • Pubblicità.
  • Freemium.
  • Vendita Dati.
  • Free.

Un’intervista: Luca Sburlati.

“Artigiano tecnologico, imprenditore green.”

Questa settimana su FIRED ho intervistato Luca Sburlati. Ci sono imprenditori che puntano a costruire le aziende migliori al mondo, e quelli che puntano a costruire le aziende migliori per il mondo. Ci sono imprenditori che vedono nella sostenibilità dei propri prodotti un limite, e quelli che la vedono come un’opportunità. Ci sono imprenditori che producono quantità e quelli che producono qualità. Tanto come manager quanto come imprenditore, Luca Sburlati ha sempre scelto la qualità, l’innovazione e la sostenibilità. Laurea in Scienze Politiche internazionali e MBA alla Bocconi, Luca appartiene a una nuova generazione di imprenditori del fashion italiano che crede nel sogno di trasformare il “Made in Italy” nel pioniere della moda sostenibile nel mondo. E ogni giorno, con le aziende di cui è a capo, lavora per raggiungere questo sogno.

Leggi l'intervista.

Un grafico che ho trovato in Rete.

La Disney sa fare i soldi.

Post dal mio blog e cose interessanti che ho trovato in rete.

Finte Storie Vere.

Una raccolta molto dettagliata dei film basati su una storia vera, con il dettaglio di quanto sono veri. Dal più fedele alla realtà (“Selma”) a quello meno fedele (“The Imitation Game”). Guarda il progetto

Soddisfazione vs Felicità.

Il premio nobel Daniel Kahneman distingue tra soddisfazione e felicità. La felicità è fugace e spontanea. La soddisfazione invece è una sensazione più a lungo termine. Leggi l’articolo

Riduciamo il potere di Facebook.

In questo video uno dei 4 fondatori di Facebook (Chris Hughes) racconta in 5 minuti perché dovremmo smettere di usare Facebook e perché il monopolio di Facebook dovrebbe essere ridotto. Guarda il video

San Francisco miliardaria.

San Francisco è la città con più miliardari al mondo. Un cittadino ogni 11.600 abitanti è un miliardario. Leggi l’articolo

Meno figli, più cuccioli.

I Millenials si sposano meno, hanno meno figli, vivono meno la famiglia, però amano i propri cuccioli. Il mercato degli animali domestici (cani, gatti and Co.) sta esplodendo. In America Wal-Mart ha addirittura aggiunto 100 cliniche per animali nei suoi supermercati. Leggi l’articolo

Lavorare è come guidare, meglio non distrarsi.

In un suo post, l’autore americano Paul Jarvis scrive di trattare il lavoro come se stesse guidando: Notifications = distractions. Proprio come è illegale guidare e nel frattempo scrivere o ricevere messaggi, allo stesso modo… Leggi il mio post

Un futuro di libri.

Ray Bradbury aveva ragione, il modo migliore per distruggere una cultura è convincere le persone a smettere di leggere. Ed effettivamente un presente (o un futuro) senza libri fa paura. Tuttavia… Leggi il mio post


Muri Filosofici.

Sui muri di Milano. #murifilosofici

Buon lavoro (e buon week end),
Jacopo