“You can do anything, but not everything.”

― D. Allen

#75: È Venerdì, rinuncia a tutto (o quasi) come Glenn Gould! 🎹

Buongiorno!

“Getting Things Done” è un grande classico della letteratura manageriale. Un giorno il suo autore, David Allen, scrisse che: “You can do anything, but not everything”. Puoi fare qualsiasi cosa, ma non puoi fare tutto. Ed è vero. Spesso il primo passo verso la realizzazione dei nostri progetti è scegliere cosa fare e, soprattutto, cosa non fare.


Glenn Gould e l’importanza di rinunciare a tutto (o quasi) per investire nel proprio progetto.

Glenn Gould è stato uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi. Ha iniziato ad esibirsi a 13 anni. A 18 incise il suo primo album. A 25 anni, in piena Guerra Fredda, era in tour in Russia e a 28 vien diretto da Leonard Bernstein. A 30 anni è una leggenda della musica, vendette milioni di album e vinse 4 Grammys. Tuttavia, a 31 anni smette di esibirsi. Perché Glenn Gould non era solo uno dei migliori pianisti di sempre, ma anche uno dei più eccentrici. Era paranoico, ipocondriaco, suonava solo sulla sedia pieghevole che gli aveva fatto il padre, viaggiava con una valigia piena di medicine e in media annullava un concerto su tre. Quando durante un’intervista gli chiesero quale consiglio si sentisse di dare a un aspirante musicista, lui, senza pensarci molto, rispose: “Devi rinunciare a qualsiasi altra cosa per dedicarti unicamente alla musica”. È un consiglio azzardato, ma ha un fondo di verità, perché se vogliamo diventare veramente bravi in qualcosa, dobbiamo necessariamente rinunciare a qualcos’altro, così da avere il tempo e le risorse per investire nel nostro progetto.

Leggi altre ispirazioni

Troppi sogni sono un incubo di frustrazione.

Quando si hanno troppi sogni, spesso finiscono per essere un incubo di frustrazione. Vorresti fare tutto e finisci per non fare nulla. Per evitare questa situazione, una buona regola che mi sono dato è questa: se investo in un nuovo progetto, disinvesto in un altro progetto.

Immaginalo così. Stai guidando una macchina da cinque posti, di cui uno è occupato da te. Ne restano quattro. Se hai già quattro passeggeri e, per strada, vuoi far salire un altro passeggero, devi per forza far scendere qualcuno.

E questo vale anche per il lavoro. Scegli tu se avere un sidecar, una macchina o un camper (ma ricordati che più il mezzo è grande e meno libertà di movimento hai). Ma se stai già lavorando a diversi progetti, prima di iniziare a lavorare a un nuovo progetto capisci qualche progetto chiudere. Perché, per quanto tu sia bravo, il tuo tempo e le tue risorse sono limitate, esattamente come lo spazio in una macchina.

Un grafico che ho trovato in Rete.

In Norvegia usano molte auto elettriche.


Link & Post.

Vivere e partorire in discarica.

Un video, realizzato da Jacopo Pasotti ed Elisabetta Zavoli, racconta la vita di Mak Muji, levatrice che aiuta le donne a partorire nella più grande discarica di Jakarta. Guarda il video

Parlare con Steve Jobs.

Sidekik è una app che crea umani digitali attraverso l’intelligenza artificiale. Partendo dai dati di una persona crea un suo alter ego digitale con cui poter parlare. Parla con Steve Jobs (e molti altri)

Viaggi e DNA.

Airbnb ha fatto una partnership con 23AndMe (il celebre test del DNA) per organizzare viaggi alla scoperta dei propri avi: Usi 23AndMe per scoprire le tue origini e poi Airbnb per andare a visitare i luoghi dove vissero i tuoi antenati. Leggi l’articolo

Innovative advertising.

Una raccolta di oltre 200 pubblicità innovative. Guarda la raccolta

Meglio perdere sei mesi a 20 anni che una vita a 60.

Uno dei consigli che dò più spesso a chi ha appena finito il Liceo è di prendersi un po’ di tempo per capire cosa si vuole fare nella vita. Di fare tante esperienze, viaggiare… Leggi il mio post


Muri Filosofici.

Il motivo per cui non mangio carne su un cartello tra le strade di Milano. #murifilosofici.

Buon lavoro (e buon week end),
Jacopo