Grazie alla tecnologia e a Internet, oggi inventarsi un lavoro è più facile che mai. Strumenti che un tempo erano costosi e complessi sono oggi alla portata di tutti. In Rete trovi molti servizi che ti possono aiutare ad amministrare, sviluppare e promuovere i tuoi progetti professionali. In questa pagina trovi una raccolta di più di duecento strumenti per inventarsi il lavoro. Se ne conosci altri che non trovi qui, segnalameli e li aggiungo.
Buon Lavoro, Jacopo Perfetti

 

 

ADMINISTRATION & STRATEGY

Strumenti per l’amministrazione:
Amministrare il tuo lavoro, sia esso un’azienda o una partita iva, può richiedere molto tempo e molte risorse. Fortunatamente oggi ci sono molti strumenti che ti possono aiutare a semplificare alcuni processi. Tra questi:

  • Uno strumento che ti permette di gestire fatture, tracciare spese e fare pagamenti come And.Co.
  • Un software per la creazione e la gestione delle fatture come Invoicely oppure Invoice.to.
  • Uno strumento per l’apertura di Srl Innovative e la creazione di Privacy Policies come Iubenda.
  • Una suite di strumenti per l’amministrazione e la contabilità come Bonsai.
  • Una app per gestire e tracciare lo stato dei pagamenti come Tycoon.
  • Strumenti di gestione della contabilità come ZipBooks oppure Quickbooks o ancora Wave.
  • Una piattaforma per gestire il libro paga come Gusto.

 

Strumenti di strategia:
Dall’analisi SWOT in avanti, la Strategia Competitiva ha formulato molte matrici, teorie e paradigmi per disegnare il proprio processo di crescita. Alcuni di questi strumenti si trovano su Internet e possono essere scaricati e consultati gratuitamente, tra questi ti consiglio:

 

PEOPLE RECRUITING & MANAGEMENT

Strumenti per trovare i co-founder:

La scelta delle persone con cui lanciare la propria iniziativa imprenditoriale è un passaggio molto delicato. Per cercare uno o più co-founder ti consiglio di frequentare eventi e luoghi dove incontrare persone che vogliono lanciare progetti o hanno competenze complementari con le tue. Oppure puoi cercare su Internet attraverso piattaforme come Fouder2be oppure CoFoundersLab. Foundrs invece, è uno strumento per calcolare l’Equity per ogni co-founder a seconda del contributo dato all’iniziativa.

 

Strumenti per lavorare in squadra:

Più si diffonde il lavoro da remoto o il lavoro in contemporanea con più team, più è necessario che ogni persona abbia un ruolo specifico e che vengano usati i giusti strumenti per lavorare in team. Per quella che è la mia esperienza, vale la regola one team one tool, ovvero una squadra uno strumento. Se si usano troppi strumenti infatti, si rischia di perdere informazioni e aumentare la complessità. Quindi scegli lo strumento più idoneo per il progetto che stai sviluppando e condividilo con tutti i membri del team così che tutti utilizzino lo stesso strumento.
  • Uno strumento di archiviazione condivisa dei file e dei documenti come Dropbox o Google Drive.
  • Una piattaforma per la comunicazione tra gruppi di lavoro come Slack.
  • Uno strumento per riunioni a distanza come Skype o Google Hangouts.
  • Una piattaforma per la gestione di lavori in team come Asana oppure Elevator.
  • Una piattaforma per condividere lo stato di avanzamento del lavoro di sviluppo di un’app o di un software con il team di programmatori come GitHub.

 

Strumenti per trovare professionisti o fornitori:

Oggi puoi creare un lavoro con una struttura a rete coinvolgendo molti fornitori e professionisti che puoi facilmente trovare e contattare attraverso piattaforme come:
  • PeoplePerHour per freelancer.
  • Freelancer per freelancer.
  • iWriter per autori.
  • UpWork per freelancer.
  • Guru per freelancer.
  • 99Designs per designer.
  • Fiverr per freelancer.
  • Puoi poi calcolare il costo medio di un freelancer attraverso strumenti come Rates di Bonsai.

     

    MARKETING & CRM

    Strumenti per analizzare trend e tendenze a livello globale:

    Quando ti inventi il lavoro, è molto utile tenersi aggiornato su quello che accade nel mondo così da anticipare e comprendere tendenze e fenomeni che potrebbero impattare il tuo lavoro oppure ispirarti nuove idee. Internet è ricca di siti e magazine on-line che forniscono, più o meno gratuitamente, dati, grafici e articoli. Tra questi ti consiglio:

     

    Strumenti per testare la tua idea:

    Un buon modo per scegliere l’idea su cui investire è testarla condividendola con un gruppo fidato di potenziali utilizzatori oppure utilizzando lo strumento dell’A/B Testing, ovvero la comparazione di due diverse versioni (A e B) di un prodotto o, più nello specifico, di un sito web. Su Internet trovi molti strumenti, tra questi potresti utilizzare Optimizely o QuickMvp.

     

    Strumenti per avere nuove ispirazioni:

    Quando ti inventi il lavoro, è molto utile raccogliere ispirazioni ovunque, così da avere sempre nuove idee e nuovi stimoli. Su Internet ti consiglio questi siti:
    • Le raccolte giornaliere dei migliori prodotti su Product Hunt.
    • Gli articoli di Fast Company.
    • Le suggestioni da tutto il mondo di Monocle.
    • Le conversazioni User Generated su Reddit.
    • Gli articoli e le storie organizzate su Flipboard .
    • Gli articoli e le storie raccontate su Medium.

     

    Strumenti di analisi di mercato:

    Per fare delle stime su dove lavorare o lanciare un’attività nel mondo comparando i vari Paesi puoi usare strumenti come:
    • L’indice di sviluppo regionale ed imprenditoriale della London School of Economics And Political Science: REDI.
    • L’indice di imprenditorialità di ogni Paese al mondo: Doing Business.
    • L’indice di imprenditorialità globale: Global Entrepreneurship Index.
    • Per l’Italia, il sito dell’Istat: Noi Italia.
    Per valutare invece quale sia il settore più in linea con il tuo lavoro, puoi usare strumenti come:

     

    Strumenti per conoscere i tuoi clienti:

    Conoscere i tuoi clienti è abbastanza facile, parla con loro e, soprattutto, ascoltali. Internet è un canale straordinario per creare un dialogo con un numero molto ampio di persone, tra gli strumenti che puoi usare per fare indagini di mercato ti consiglio:

     

    Strumenti di Customer Relationship Management (CRM):

    Conoscere i tuoi clienti non basta, devi continuare a conoscerli e quindi continuare a dialogare con loro, ovvero curare la relazione con il cliente (in inglese Customer Relationship Management). Per farlo ci sono molti strumenti on-line e off-line, tra quelli più accessibili on-line ti consiglio:

     

    SOCIAL MEDIA & ADV

    Strumenti per gestire e far crescere le tue pagine social:

    La gestione delle tue pagine social e la creazione di contenuti da condividere è un’attività che può richiedere molto tempo e, per raggiungere numeri importanti, molti soldi. On-line ci sono centinaia di strumenti che ti possono aiutare, tra questi:
    • Strumenti per gestire le tue pagine social e diffondere lo stesso contenuto su più piattaforme come Buffer o Hootsuite.
    • Strumenti per cercare Influencer e persone in linea con la tua attività come la app per Chrome di Klear.
    • Piattaforme per creare campagne con Influencer e persone in linea con la tua attività come Speakr, PublicFast o, in Italia, Buzzole.
    • Strumenti per identificare quando le persone stanno parlando di te o della tua azienda come Mention oppure Brand24 o ancora Notify.
    • App specifiche per tracciare ed organizzare un canale social come TweetDeck per Twitter.
    • Strumenti per monitorare e gestire le tue attività sui social come Sprout.
    • Uno strumento per ridurre la lunghezza di un link così che sia più facile da condividere come Bitly.
    • Siti e app per scegliere su quali hashtag puntare e monitorare l’andamento degli hashtag più popolari come RiteTag oppure TagsForLikes o ancora TagBlender.
    • Piattaforme di social e media PR on-line che possano accelerare la crescita della tua community come Social Runner oppure UpBeat o ancora Publicize.
    • Agenzie on-line che creano contenuti curati a mano per i tuoi social come Quuu.

     

    Strumenti per gestire la tua mail e la tua newsletter:

    Lo so, può sembrare un po’ vecchio stile, ma io credo ancora nella validità della e-mail come strumento di comunicazione. Tanto in termini di messaggistica uno ad uno, quanto in termini di newsletter. Se anche tu ne fai largo utilizzo, questi alcuni strumenti che potrebbero servirti:
    • Uno strumento per creare e mandare le tue newsletter come MailChimp.
    • Un corso on-line per imparare a costruire, gestire e lanciare newsletter come ChimpEssentials.
    • Un’automazione per Gmail che ti permette di impostare mail automatiche in caso qualcuno non risponda come IfNoReply.
    • Uno strumento per tenere traccia delle tue email come MixMax.
    • Un’automazione per Gmail che ti permette di programmare l’invio di e-mail come Boomerang.
    • Uno strumento per creare, gestire e diffondere le tue e-mail su più piattaforme come ConstantContact.
    • Uno strumento per registrare l’indirizzo e-mail dei tuoi visitatori come Sumo.

     

    Strumenti per costruire un sito internet:

    Oggi costruire un proprio sito internet funzionante e personalizzato è un’attività accessibile che non richiede particolari competenze tecniche. Per farlo puoi optare su un modello in HTML oppure appoggiarti a piattaforme alternative. Questi alcuni strumenti che puoi usare:
    • Una piattaforma dove registrare il tuo dominio e agganciarlo a uno spazio on-line come GoDaddy o Aruba.
    • Se vuoi costruire il tuo sito in HTML puoi partire da un modello come Bootstrap e poi personalizzarlo con un tema specifico che puoi trovare su Bootstrap Zero o su Templated.
    • Se invece vuoi appoggiarti a una piattaforma puoi usare Wordpress e poi personalizzarlo scegliendo tra migliaia di temi gratuiti o a pagamento. Tra questi posso consigliarti WpShower oppure Kalium o ancora Elma Studio. Una volta installato Wordpress, puoi poi aggiungere centinaia di PlugIns a seconda delle tue esigenze.
    • Se hai problemi con l’istallazione o la personalizzazione del tuo sito HTML o Wordpress, su Fiverr trovi centinaia di esperti che possono aiutarti per $5.
    • In alternativa puoi utilizzare altre piattaforme completamente automatizzate come SquareSpace.

     

    Strumenti per indicizzare il tuo sito internet:

    Indicizzare il tuo sito internet vuol dire renderlo visibile sui motori di ricerca, e qui, ovviamente, Google la fa da padrone. Tra li strumenti che puoi usare ci sono:
    • Google AdWords per acquistare le parole chiave con cui essere trovato on-line.
    • Google Analytics per monitorare l’andamento del tuo sito internet.
    • Google Webmaster Tools per indicizzare al meglio il tuo sito internet.
    • Google Test per verificare la velocità del tuo sito internet.
    • Un plugin per Wordpress che ottimizzi l’indicizzazione del tuo sito internet come Yoast SEO oppure All in One SEO Pack.
    • Uno strumento per creare la mappa del tuo sito da caricare poi in Google Webmaster Tools come XML-Sitemaps.
    • Uno strumento per testare il tuo sito internet su differenti device (smartphone e tablet) come Responsive View.
    • Uno strumento per analizzare e monitorare il comportamento dei visitatori del tuo sito come HotJar.
    • Uno strumento di indicizzazione e metriche per il tuo sito internet come Alexa oppure Kissmetrics.
    • Uno strumento per aggiungere un motore di ricerca al tuo sito internet come Algolia.

     

    Strumenti per gestire e far crescere la tua community off-line:

    Per milioni di anni, l’uomo ha sempre costruito la sua community off-line, tra le persone con le persone. Negli ultimi quindici anni ha iniziato a farlo anche on-line attraverso i Social Media. Per quanto i Social Media siano un potente strumento di comunicazione e aggregazione, penso che non possano sostituire milioni di anni di esperienza. Quindi coltiva la tua community anche off-line partecipando od organizzando eventi in linea con il tuo lavoro, incontrando gente, parlando insieme alle persone e condividendo idee e progetti. In quest’ottica, lo strumento più utile che tu possa usare è una rubrica ordinata e costantemente aggiornata dei tuoi contatti. Per farlo ecco un paio di strumenti:
  • FullContact.
  • Google Contatti.
  •  

    PRODUCTIVITY

    Strumenti per aumentare la tua produttività:
    Quando ti inventi il lavoro, più riesci ad ottimizzare i tuoi tempi e le tue risorse meglio è. Su Internet ci sono centinaia di strumenti che possono aiutarti nello sviluppo della tua idea, tra questi ti consiglio:

    • Una raccolta di documenti legali per ogni forma di accordo come Docracy.
    • Uno strumento per costruire Project Plan anche in team come Germ oppure Yanado.
    • Qualche app per controllare il tuo tempo ed evitare distrazioni come E.ggtimer.com oppure SelfControl.
    • Uno strumento per organizzare i tuoi pensieri e i tuoi appunti visivi e testuali come Evernote.
    • Uno strumento per organizzare lo sviluppo del tuo prodotto come Productboard.

     

    Strumenti per fare una ToDo List:
    Lo strumento più importante per fare una buona To Do List e, più in generale, gestire il tuo tempo e le tue attività è saper dare la giusta priorità alle cose. E questo è uno strumento che non trovi da nessuna parte. Tuttavia esistono molti strumenti che possono aiutarti ad organizzare meglio il tuo lavoro, tra questi:

    • Un software per la gestione degli appuntamenti come Genbook.
    • Una piattaforma di ToDo List condivisa come Trello.
    • Uno strumento per organizzare gli incontri come Calendly.
    • Un calendario pratico e condivisibile come Google Calendar.
    • Una ToDo List digitale come Todoist oppure TeuxDeux.

     

    SELLING & FUNDING

    Strumenti di vendita on line:
    Su Internet trovi molti strumenti che ti permettono di vendere i tuoi prodotti o servizi in tutto il mondo, tra questi ti suggerisco:

    • Una piattaforma per la creazione di un e-commerce senza saper programmare come Shopify.
    • Uno strumento per costruire il tuo corso on-line mettendo a profitto una tua competenza insegnandola come OfCourseBooks.
    • Una piattaforma per vendere prodotti artigianali come Etsy.
    • Uno strumento per il pagamento on-line come Stripe o Paypal.
    • Una piattaforma per vendere on-line le tue creazioni digitali come musica, ebook, fumetti digitali, plugin o altro come Gumroad.
    • Uno strumento per vendere i tuoi prodotti stampati in 3D e spediti in tutto il mondo come Shapeways .
    • Una piattaforma per tradurre la tua idea in una app e venderla senza saper programmare come MakeItApp.
    • Un motore di ricerca con cui trovare piattaforme per mettere a profitto qualsiasi tua risorsa o competenza come Indie Jobs.

     

    Strumenti di crowdfunding:
    Raccogliere soldi attraverso una campagna di crowdfunding è una soluzione molto interessante perché non solo raccogli i fondi che ti servono ma, contemporaneamente, fai un test di mercato (gratuito) e cominci a costruire una community di clienti e advocate. Su Internet stanno nascendo sempre più piattaforme. Di base possono essere di tre tipologie:

    • Reward Based: Campagna di crowdfunding che, in cambio di un versamento in denaro, prevede un reward, ovvero una ricompensa. Questa ricompensa è generalmente il prodotto stesso e, in aggiunta, un riconoscimento che può essere un ringraziamento sul sito oppure servizi o prodotti aggiuntivi.
    • Equity Based: Campagna di crowdfunding che, in cambio di un versamento in denaro, prevede la cessione di una parte delle quote della società. E quindi, chi partecipa alla campagna, versando dei soldi, diventa socio del progetto.
    • Donation Based: Campagna di crowdfunding che viene spesso utilizzata da organizzazioni no profit per finanziare iniziative senza scopo di lucro attraverso donazioni.
    Le piattaforme disponibili cambiano da Paese a Paese, le più note sono Kickstarter, Indiegogo e Ulule oppure in Italia Eppela o DeRev. Esistono anche piattaforme focalizzate su specifici settori come la musica (Music Raiser), oppure la scuola (School Raising), così come piattaforme di Equity-crowdfunding come MamaCrowd.

     

     

    DESIGN & PROTOTYPES

    Strumenti per costruire la tua immagine coordinata:

    La bellezza attira l’attenzione e semplifica la comunicazione, quindi non sottovalutare l’estetica dei tuoi contenuti. Oltre ad avere e a coltivare un tuo gusto estetico e un tuo stile, puoi usare molti prodotti per migliorare l’immagine della tua attività, tra questi:
    • Uno strumento per realizzare o farti realizzare loghi economici ed efficaci come il servizio Logo di Square Space o LogoJoy.
    • Uno strumento di grafica on-line come Canva.
    • Uno strumento per creare e modificare immagini pronte da essere condivise sui tuoi social come il servizio Pablo di Buffer.
    • Uno strumento per fare presentazioni come Prezi oppure Keynote della Apple (se usi un Mac).
    • Una raccolta di materiale grafico e fotografico gratuito come Freebbble o PixelBuddha.
    • Un mercato on-line dove poter acquistare grafiche, immagini, template e molto altro come Envato Market.
    • Una raccolta di fotografie gratuite ad alta definizione come Pexels o Unsplash.
    • Una raccolta di icone gratuite in vettoriale come ToIcon oppure NounProject.
    • Una raccolta di font gratuiti utilizzabili on-line e off-line come Google Fonts o DaFont. Oppure, in alternativa, una raccolta di font a pagamento come HypeForFont oppure Klim o ancora MyFonts. Se invece vedi una font che ti piace su un sito e vuoi sapere qual è, puoi usare una app per Chrome come FontFace Ninja. E se poi non sai come abbinare i font puoi trovare qualche ispirazione con il servizio Font Combinations di Canva oppure con FontPair.

     

    Strumenti per creare un prototipo:

    Un tempo, realizzare un prototipo della tua idea era un processo costoso sia in termini di investimenti sia in termini di tempi di realizzazione. Oggi invece, grazie alla tecnologia e a Internet puoi costruire un prototipo fisico del tuo prodotto o un mock up digitale del tuo servizio o della tua app in poco tempo e con pochi investimenti. Sei stai lavorando al prototipo della tua idea, questi strumenti potrebbero esserti utili:

     

    Strumenti per registrare la tua idea o il tuo logo:

    Partiamo dal presupposto che per quella che è la mia esperienza, il modo migliore per registrare la tua idea è svilupparla nel migliore dei modi così che si diffonda più velocemente possibile sul mercato. Detto questo, se sei ancora dell’idea di registrare la tua idea potresti:
    • Registrare il tuo nome e il tuo simbolo presso l’ufficio Marchi e Brevetti della tua città. Per verificare che nessuno abbia registrato lo stesso nome e simbolo puoi fare una ricerca preventiva sul database TMview, oppure controllare che su Internet il nome sia disponibile sia in termine di indirizzo web sia in termini di indirizzi Social Media attraverso strumenti come TheNameApp.
    • Creare un documento legale che certifichi la data in cui hai avuto l’idea. Un tempo si poteva inviare un documento con il contenuto della tua idea via posta. Oggi puoi mandare una mail oppure utilizzare strumenti come WGA West Registry. Questa soluzione non ti tutela al 100% ma hai almeno un documento certificato da un ente terzo.
    • Registrare il tuo brevetto presso l’ufficio Marchi e Brevetti della tua città. Questa è la scelta più sicura, ma anche la più costosa, quindi ti consiglio di farla solo quando hai effettivamente una tecnologia unica e distintiva senza la quale non potresti fare il tuo lavoro.
    • Far firmare un NDA, ovvero un Non Disclosure Agreement. L’NDA è una scrittura privata tra due o più persone in cui si definisce un accordo di non divulgazione in merito a un’idea o un progetto. Su Internet trovi molti modelli pre compilati in cui ti basterà aggiungere i dati delle persone coinvolte nell’accordo e i dettagli dell’idea o del progetto.

     

    LEARNING

    Strumenti per non smettere mai di imparare:

    Quando ti inventi il lavoro, non puoi mai smettere di imparare. Un tempo questa attività poteva avere un costo molto alto. Oggi, grazie ad Internet, puoi seguire corsi on-line su, più o meno, ogni disciplina. Tra i tanti siti che propongono corsi, ti consiglio:

     

    Strumenti per migliorare o imparare il tuo inglese:

    Qualsiasi sia la cosa che fai, il luogo o il settore dove la fai, o le persone con cui la fai, non puoi prescindere dal saper parlare la lingua di riferimento o, quanto meno, l’inglese. Questi alcuni strumenti che possono aiutarti a migliorare il tuo inglese: Se invece devi scrivere in inglese un buono strumento è Grammarly.