Michelangelo e l’importanza di vedere un valore che nessun altro riesce a vedere.


Secondo la leggenda, nel 1502 a Firenze il gonfaloniere Pier Soderini stava cercando un artista che potesse valorizzare un magnifico pezzo di pietra grezza erroneamente rovinato da uno scultore. Nessun artista accettò l’incarico, perché tutti ritenevano la pietra troppo danneggiata e fragile per poterci fare qualcosa.

Un giorno però Michelangelo esaminò la pietra e, a differenza di tutti gli altri, ne capì il potenziale e realizzò il suo David. In quello che tutti vedevano come un inutile pezzo di marmo destinato solo a prendere polvere, Michelangelo ci vide una delle sue opere più importanti.

Come scriveva il filosofo tedesco Arthur Schopenhauer, «chi ha talento colpisce un bersaglio che nessun altro riesce a colpire, mentre un genio colpisce un obiettivo che nessun altro riesce a vedere». E questo è quello che fanno gli imprenditori più illuminati. Là dove altri vedono crisi, loro vedono opportunità. Là dove altri vedono problemi, loro vedono bisogni di mercato. Là dove altri vedono oggetti privi di valore, loro vedono un nuovo prodotto o servizio da lanciare sul mercato.

Leave a Comment